Lead
Scopo del progetto è un’indagine sul cosiddetto “ritorno” della metafisica e sulla “nascita” dell’ontologia in Svizzera all’epoca della Riforma, a partire dallo studio di alcuni casi specifici: Basilea, Coira, Ginevra, Lucerna, San Gallo e Zurigo, e relative istituzioni educative (ginnasi, collegi, università).

Lay summary

Contenuto e scopo del progetto di ricerca

Come hanno mostrato le più recenti ricerche, il termine ‘ontologia’ fa la sua prima comparsa in Svizzera nel 1606, precisamente in un manuale di Jacob Lorhard, rettore del ginnasio riformato di San Gallo.

Scopo del progetto è un’indagine sul cosiddetto “ritorno” della metafisica e sulla “nascita” dell’ontologia in Svizzera all’epoca della Riforma, a partire dallo studio di alcuni casi specifici: Basilea, Coira, Ginevra, Lucerna, San Gallo e Zurigo, e relative istituzioni educative (ginnasi, collegi, università). 

Oltre ai campi di indagine dell’ontologia e della metafisica, la ricerca considererà anche le vicende del dibattito sui concetti trascendentali o supertrascendentali, vale a dire gli entia rationis o il concetto stesso di ‘nulla’. Dal punto di vista confessionale, le differenze locali esercitarono talora una rilevante influenza sui caratteri di volta in volta acquisiti dalla metafisica e dall’ontologia. 

Nella realizzazione del progetto si farà ricorso a metodi tipici della filosofia teoretica, della storia della filosofia e della storia delle istituzioni.

Oltre alla redazione di una serie di saggi, al termine del progetto si prevede la pubblicazione di una monografia sulla storia dell’ontologia in Svizzera nel periodo compreso tra il 1519 (anno dell’inizio dell’attività di Zwingli a Zurigo) e il 1648 (anno della dichiarazione d’indipendenza svizzera).

Contesto scientifico e sociale La ricerca sui contesti istituzionali e accademici dei singoli istituti educativi svizzeri di interesse per il progetto sarà condotta coi metodi della storia della filosofia (storia dei concetti e delle idee) e della storia delle istituzioni. L’indagine sugli istituti educativi non è storia fine a sé stessa: la storia, nel suo carattere teoretico, viene anzi collocata in un quadro più ampio, che giunge fino ai dibattiti contemporanei.